La Gazette n. 32 - About Tuscany
Cari amici, oggi si gioca in casa. Ci tocca parlare della Toscana e non vogliamo fare come quei genitori che lodano i figlioli. E che bei voti prendono a scuola e come obbediscono e come sono perbenino e via e via. Qui da noi, in questo lembo di Toscana del sud, dimenticato tra Arezzo e Siena, l’unico beneficio, è che appena si inforca la moto (Claudio) e la vespa (Giovanni) in trenta secondi siamo immersi nella più bella campagna che voi possiate immaginare. Stop. Tutto il resto è noia, o contrasto, o rissa. Siamo tutti contro tutti e spesso anche contro noi stessi. Non la facciamo lunga e ci viene in mente che il primo segno dei toscani, dicono, sia la misura. Noi misuriamo le parole e vi presentiamo questo giornale.